New Deal Advisors
04/11/2019

Report Competitività 2019

Milano/Londra, 4 novembre 2019. Nonostante l’aumento dei rischi economici globali, l’Europa presenta interessanti opportunità per gli investitori internazionali. L’Italia ha un enorme potenziale che deve ancora pienamente esprimersi, ma deve agire per essere maggiormente competitiva.

E’ quanto emerge dal Rapporto sulla competitività 2019 predisposto da Eight International, network globale di 23 società di consulenza indipendenti operanti in 20 Paesi e rappresentato in Italia dal socio fondatore New Deal Advisors.

Il potenziale dell’Italia è riconosciuto dagli investitori internazionali che confermano l’attrattività del Paese grazie all’eccellenza dei distretti e alla dinamicità delle imprese che necessitano di sviluppo internazionale. Le classifiche sui distretti mostrano infatti che l’Italia è il quarto miglior Paese al mondo (una media di 5,5 in un voto che va da 1 a 7) in questo ambito.

L’interesse degli investitori peraltro permane anche se le classifiche ritraggono un Paese che sembra aver perso slancio: nonostante sia una delle tre maggiori economie dell’Eurozona e vanti aziende dinamiche, i livelli di disoccupazione e debito pubblico restano costantemente elevati e preoccupanti (stabilmente al 33° posto su 36 paesi). Il peso della burocrazia è uno dei più alti al mondo (136° posto su 140 paesi). Gli oneri connessi all’occupazione e alla regolamentazione sono un ostacolo allo sviluppo delle imprese. Permane inoltre un clima di incertezza connesso all’evoluzione macroeconomica e politica, nonché alla costante stagnazione dell’economia.

Negli ultimi anni si è peraltro registrato anche un forte deterioramento della classifica delle disparità di genere e di reddito: l’Italia è al 70° posto su 140 paesi nella classifica del gap di genere globale, registrando il peggior calo (- 30 posti dal 2015) di qualsiasi altro Paese europeo incluso nel rapporto.

L’Italia perde anche posizioni nella classifica dedicata allo stato della democrazia (passa dal 21° al 33° posto), ma registra al contempo la maggiore crescita in termini di libertà di stampa (dal 73° al 46° posto).

Un messaggio molto più positivo emerge quando esaminiamo le classifiche che monitorano la salute e il benessere. L’aspettativa di vita media degli italiani è al quinto posto nel mondo. La qualità della vita del Paese è altrettanto notevole. L’influenza creativa e il patrimonio culturale dell’Italia sono considerati i più grandi e importanti al mondo.

Mara Caverni, Managing Partner di New Deal Advisors, commentando il report sottolinea che “l’Italia ha un potenziale enorme derivante dai sui distretti industriali con imprese di eccellenza e un patrimonio culturale e una creatività riconosciuta a livello globale. Dal confronto con gli investitori emerge una forte attenzione alle singole aziende, più che alla situazione del Paese. Pur percependo un calo della competitività del Paese connesso, tra l’altro, al peso della burocrazia, alla stagnazione economica e alla fase di incertezza, gli investitori continuano a guardare ai settori in cui l’Italia tradizionalmente eccelle, quali il food, la moda, il design etc.. E sono consapevoli che troppo spesso mancano le condizioni perché le nostre imprese possano crescere superando le barriere imposte dal contesto nazionale. L’obiettivo resta quindi investire nelle eccellenze del made in Italy e farle crescere su scala internazionale”.

La ricerca, giunta alla sua quarta edizione, parte dal presupposto che il PIL, da solo, non basti a rappresentare in modo esaustivo l’andamento economico di una nazione e che la competitività su scala globale di ciascun Paese possa essere misurata solo analizzando unitamente diversi fattori, tra cui il contesto in cui si fa business, la stabilità politica e sociale, l’innovazione, l’istruzione e la qualità della vita.

Da tale analisi comparata su scala globale, emerge chiaramente che:

  • Ci sono benefici economici diretti per ogni nazione che rimane aperta agli investimenti internazionali. La ricerca fornisce prove statistiche convincenti per collegare tale apertura al progresso economico.
  • La crescita economica non è negativa per l’ambiente. Esiste una forte correlazione tra maggiore cura e attenzione ai temi ambientali e allo sviluppo.
  • Il tema del benessere – che comprende stabilità politica e sociale e standard educativi elevati – è sempre più al centro, e sempre più lo sarà, dell’agenda politica globale.

Il Rapporto, unico nel suo genere ed elaborato sulla base di 38 indici e 25 report autorevoli, rappresenta l’evoluzione, registrata negli ultimi 3 anni (indici 2015/16 vs 2018/19), delle principali economie mondiali dettagliando, in particolare, quella di dieci Paesi: Francia, Germania, Regno Unito, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Spagna e Belgio, Russia e India.

I punti salienti dell’analisi dei dieci Paesi analizzati in dettaglio, oltre all’Italia, includono:

Regno Unito: mentre le basi economiche sono solide, è necessario guardare oltre la Brexit per affrontare questioni chiave che frenano la competitività a lungo termine del Regno Unito poiché rischia di essere superata da Paesi che salgono di livello in termini di competitività globale.

Francia: ha visto significativi miglioramenti nella qualità del suo contesto di business. Ma la questione irrisolta delle pratiche occupazionali restrittive e l’immobilità del mercato del lavoro rimane un freno per le prestazioni economiche.

Germania: mentre è la principale potenza economica dell’Europa, non ha una sola società nell’indice delle 100 aziende più innovative al mondo. In confronto, il Regno Unito e l’India ne hanno cinque ciascuno. Ha visto cadere le sue posizioni in alcune altre classifiche internazionali critiche.

Belgio, Paesi Bassi: entrambi i Paesi sembrano essere altamente competitivi e offrono una buona alternativa agli investitori disposti a stabilire una presenza o espandere le proprie attività in Europa.

Polonia: è l’unico membro dell’UE che non ha affrontato una recessione negli ultimi due decenni. Ma nonostante una crescita economica sostenuta, rimane un Paese in transizione.

Russia: nonostante le recenti questioni politiche, alcuni investitori internazionali stanno progressivamente tornando nel Paese. Le classifiche dell’ambiente di business stanno migliorando. Gli investitori sono attirati in particolare dai mercati a largo consumo.

India: la sua cultura aziendale dinamica e ottimista a volte rende meno difficile operare in questo Paese per l’investitore straniero rispetto alla Cina continentale. La quinta più grande economia del mondo è destinata a beneficiare di un bonus demografico.

Al seguente link è disponibile il rapporto completo sulla competitività del 2019.

Le competenze del team si estendono oltre la loro competenza professionale, consentendo loro di estrarre dati affidabili anche in ambienti difficili, semplificando analisi altamente complesse e fornendo un supporto affidabile per decisioni sensibili, nel contesto di uno spirito costruttivo e positivo.

ANDERA - Luca Maria Ravano / Massimo Massari Partners

Con New Deal Advisors abbiamo collaborato nella individuazione e rappresentazione di elementi penalmente rilevanti avanti alla Procura a seguito delle indagini da loro condotte; la loro esperienza in tale ambito, la solida preparazione tecnica e la capacità di metterla al servizio del cliente e dei legali si sono dimostrate fondamentali per il concreto perseguimento dei risultati attesi dal cliente all’inizio del progetto.

Avv. Gildo Ursini socio Studio Ursini

Abbiamo avuto modo di lavorare con Andrea e il team di New Deal Advisors su un progetto in ambito concorsuale. Nonostante la complessità del lavoro hanno saputo individuare le criticità e gli elementi tecnici chiave per venire incontro alle necessità del progetto rendendoli immediatamente fruibili al cliente (italiano e straniero) e ai legali e assumendo un ruolo centrale nell’affinamento della migliore strategia da adottare.

Avv. Giuseppe De Palma Managing partner Clifford Chance for Italy

Ci siamo avvalsi dell’aiuto di New Deal Advisors nell’ambito delle nostre attività di monitoraggio del portafoglio attraverso IBR, financial review, servizi forensic e abbiamo riscontrato una grande competenza, innovazione ed originalità nelle strategie e nelle azioni e valore aggiunto delle analisi prodotte.

Elena Lodola Head of Leveraged Finance Capital Markets Italy, BNP Paribas.

Collaboriamo con New Deal Advisors da molti anni e per noi sono diventati un partner di riferimento nei nostri processi di investimento. Sono professionisti estremamente competenti e flessibili con un approccio di analisi molto pragmatico e sempre approfondito. Un team senior che ha saputo conquistarsi stima e fiducia anche dalle controparti facendosi apprezzare per la capacità di portare reale valore aggiunto anche nel post deal.

PFH – Nicola Iorio, Nadia Buttignol e Massimiliano Mattietti

Ho lavorato con New Deal Advisors nell’ambito di un progetto che comportava la valutazione di un asset immateriale in contemporanea presenza di diversi elementi di danno.  Andrea si è rivelato molto attento alle esigenze del cliente finale, sia in termini di budget che di tempi di consegna del report valutativo. Il prodotto finale è stato eccellente con ampia soddisfazione del cliente essendo state seguite le sue indicazioni ed individuate soluzioni tecniche originali per ottenere il risultato finale atteso.

Avv. Vincenzo D'Ambra socio Studio Nunziante Magrone

Nel 2017, abbiamo realizzato un’operazione di crescita esterna strategica e strutturante in Italia, avviata dalla nostra partecipazione ORCA, con l’acquisizione di FAIT PLAST, produttore leader europeo di pellicole termoplastiche tecniche. Durante questa operazione, ci è piaciuto molto lavorare con New Deal Advisors che ha dimostrato la sua capacità di trovare e analizzare le informazioni finanziarie chiave e fornire un rapporto DD molto buono in un breve lasso di tempo.

idi - Augustin Harrel-Courtès Senior Associate

L’estrema professionalità e disponibilità, la comprensione immediata delle esigenze del cliente e della pratica, l’esperienza nella rilevazione e nella determinazione dei danni, la chiarezza e la completezza della relazione tecnica predisposta: questi sono gli elementi che hanno contraddistinto il lavoro del team di New Deal Advisors che ci ha affiancato in un contenzioso instaurato da un nostro cliente per illegittima sospensione contrattuale in materia di appalti pubblici.

Avv. Matteo Padellaro socio Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners